12 ricordi più 1, il mio 2013

Ok, ce l’ho (maledetto Cristiano e il suo post di fine anno! Non è vero l’adoro in realtà e credo di adorare anche il post di fine anno.)

12 ricordi più 1, il mio 2013.

1) La nascita di Dario, il mio secondo figlio. La gioia, la stanchezza, il male e tutto quell’amore che improvviso esplode.

2) La prima filastrocca di Natale recitata a memoria da Elio, di soli tre anni. E la mia commozione nel saperlo così “grande”.

3) Il mio nuovo lavoro, dopo 8 anni nella stessa azienda. Quelle lacrime che non ho versato e che, il giorno dopo, mi hanno fatto venire la febbre per il dispiacere.

1012738_10152067163214324_254692501_n

4) Il dodicesimo trasloco della mia vita (dodicesimo, capite?) in quella che con tutta probabilità sarà “la casa”, quella dove vivrò fino a quando i miei capelli imbiancheranno (se non altro per non traslocare ancora…)

5) Questo piccolo blog che resta piccolo, ma cresce con me. E chi ha avuto (e sperò avrà ancora) la pazienza di leggermi.

6) Andare a lavoro in bicicletta e il pensiero, realistico, di abbandonare l’auto.

1459200_10201785168584304_453043179_n

7) Il complimento più bello che mi abbiano mai fatto, da una persona a cui voglio bene: “saprai certamente portare allegria anche là!”

8) Le amiche di sempre che non se ne vanno e un’amica nuova che resterà sempre. O almeno così mi piace pensare.

9) L’aver trascorso qualche giorno con persone che sento solo online e scoprire che mi piacciono tanto anche offline. Ma tanto eh.

10) I pochi viaggi fatti in questo anno appena passato e i pochi che farò anche il prossimo, poi mi sono promessa che cercherò di rifarmi.

1453268_10201811371679365_1269996665_n11) Essere finita sulla stampa locale dove il mio nome veniva (certamente erroneamente) accostato alle parole “blogger” e “che fanno tendenza”.

12) La coscienza e la certezza che certe persone ti entrano nel cuore e anche se sono lontane chilometri da lì non escono. Non escono nemmeno a impegnarcisi.

L’ultimo è la consapevolezza di essere fortunata e ringraziare il cielo ogni  giorno. Dieci, cento, mille volte grazie.

Arrivederci 2013.
Sono certa che quando ti ripenserò mi assalirà la malinconia di questo anno in cui quasi tutta la mia vita è cambiata. Oggi sono solo felice, di sotto mi aspetta la bici per andare a lavoro e quindi arrivederci 2013.

Photo credit: prima foto di Sara Paolucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *