Le mie impressioni sparse su Roma

Il weekend appena passato sono stata a Roma e, come sempre, di ritorno da ogni viaggio ho un insieme di emozioni e impressioni sparse che esigono di essere messe qui, battuta dopo battuta. E io non so resistere a questo impulso che mi prende e mi assale e non mi dà tregua finché non lo faccio.

Quindi eccoci.
Le mie impressioni sparse su Roma:

  1. Le puntarelle sono qualcosa di divino. Così come la cicoria ripassata in padella. Alla faccia dell’alito, mangiatele!

    Puntarelle - Nessun Dorme

    Puntarelle – Foto di Chiara Reverberi

  2. La carbonara va mangiata da “Maccheroni“.
  3. Il viaggio in bus fino a Termini è stato una tortura, con tutto quell’aglio che tutti mangiano e la folla accalcata. Ho creduto di morire o schiacciata o per asfissia.
  4. Il soffritto d’aglio si spande per la città e fa venire, senza dubbio, fame.
  5. Andate a Trastevere a mangiare “Da Augusto“. La fila merita e lui, se resistete ai suoi attacchi iniziali, è pure simpatico. La cacio e pepe tuona.

    Da Augusto - Trastevere Roma - Nessun Dorme

    In attesa Da Augusto

  6. Il Colosseo è il Colosseo. Punto.

    Colosseo

    Il Colosseo – Foto di Elena Ciccatiello

  7. Dove ti giri ti giri Roma è splendida, che sia una casa diroccata o i Fori Imperiali. Cazzo dai, sei a Roma. (Scusate la scurrilità ma quando ci vuole, ci vuole).
  8. I negozi sono fantastici. Ci sono degli abitini sartoriali che mi sono rimasti nel cuore. Roma tornerò per fare shopping.
  9. Quando piove a Roma, piove davvero e cavoli se ci si bagna.
  10. La notte a Roma è magica.
  11. Venditti è il cantante che mi ricorda Roma, senza dubbio.
  12. La pizza si mangia da “Baffetto“. Anche qui la fila non manca.
  13. I camerieri romani sono maleducati, troppo per i miei gusti.
  14. A Roma c’è chi sogna a occhi aperti (come la sottoscritta) e chi fa i limoni con vista sui Fori.

    Roma - Nessun Dorme

    Scorci di Roma

  15. Le mie amiche sono le persone con cui sto meglio in assoluto. Spero saremo capaci di ridere a crepapelle anche a 80 anni. Ho l’idea che sarà proprio così.

Andate a Roma, ogni volta che potete. Ogni santa volta.

Selfie a Roma - Nessun Dorme

Selfie a Roma (con sconosciuto)

4 comments to “Le mie impressioni sparse su Roma”
  1. Va beh, oggi guardavo instagram e pensavo, che voglia di cacio e pepe. Leggo questo post mentre cucino e dico, che voglia di cacio e pepe e chiacchiere con la Vale! 😀

  2. Parliamone… io questi post ad elenco, con le scurrilità giuste al posto giusto, i consigli in un rigo e le cazziate che servono, LI AMO! E se dovessi scegliere una socia di pensieri ad cazzum saresti tu cara Vale 😀 A Roma a 14 anni ho scoperto la mia anima girovaga, a 18 la poesia della carbonara, a 21 di amare la puzza di aglio…. non vado oltre, ma dico: andateci sì, ogni santa volta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *