Non ho, più, le parole

E’ un periodo strano questo che sto vivendo.
Un periodo di silenzi e poche, pochissime, parole da scrivere.
Io, che ho sempre una parlantina invidiabile. Sono qui, nel mio silenzio, che penso “Non ho, più, le parole.”

E insieme alle mie parole se ne vanno i sogni, le certezze di sempre. Restano solo le idiosincrasie, le paure angosciose, i dubbi irrisolti.

Nessun Dorme

L’amore a Rimini, d’autunno

Resta questa voglia di riscatto e di una voce nuova. Una voce che non sia la triste ripetizione di un tempo che fu e ora, ora, non c’è più.

Io che vivo di verità assolute e linee nette, scopro i confini labili della vita, di questo grigio che vuole inghiottirmi, ma non mi avrà.
Le parole torneranno a fiumi.
Torneranno candide e saranno colombe a librarsi nell’aria di un futuro che c’è e che, io lo so o almeno lo spero, mi aspetta.

E’ solo un periodo. Un momento. Fatto di silenzi e pause e credenze che se ne vanno. Ma la vita è vita e si evolve. Ed è per questo che continuo a credere che sia bella e che vada vissuta, tutta. Fino in fondo.

E anche se ora non ho più le parole, io le aspetterò.
E loro torneranno da me, quando meno me lo aspetto.
Io sarò lì pronta ad accoglierle.
Spero solo che anche voi saprete aspettarmi. Aspettarmi ancora un po’.

Nessun Dorme

Rimini, in autunno

2 comments to “Non ho, più, le parole”
  1. Ho trovato questo post casualmente, ma alla fine nulla è per caso… quando le parole non arrivano vuol dire solo che stanno cercando un modo per tornare più grandiosi di prima. L’unione tra i tuoi pensieri sparsi e i miei ad cazzum sarebbe perfetto, sappilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *