Abruzzo, io ti amo

Non immaginavo che l’Abruzzo potesse essere così: meraviglioso con i suoi paesaggi brulli, incantevole nella solitudine del suo orizzonte, così azzurro e infinito.
Magnifico nelle sue strade di montagna, tortuose e silenziose, da percorrere a occhi spalancati per non perdersi niente, nemmeno una foglia che dolce scivola al suolo.

Mi sono innamorata perdutamente di questa regione, di questa gente dallo sguardo aperto, i modi schivi e un’ospitalità antica.
Perché qui si sente l’amore per la propria terra, un amore puro e assoluto.

Non potrei mai, né mai vorrei avere tale presunzione, di stilare una vera e propria lista di cosa vedere, dove mangiare e dove dormire in Abruzzo, ma raccontarvi cosa mi ha colpito, dove ho mangiato divinamente e dove ho trascorso notti felici, questo sì, posso e voglio.
Quindi eccoci, ciò che ho amato dell’Abruzzo, in ordine sparo e senza (apparente) filo logico:

1) La Costa dei Trabocchi.

È un tratto di costa suggestivo e particolare, con spiagge a volte sabbiose, a volte di ciottoli, dove il mare è trasparente. I trabocchi sono costruzioni sospese tra cielo e mare, usate un tempo per pescare e oggi riadattate a ristoranti di pesce.
La spiaggia di Punta Penna e la Riserva naturale di Punta Ardeci meritano assolutamente. L’acqua è incantevole, la spiaggia ampia, la Riserva permette una passeggiata in un paesaggio strabiliante fino a un belvedere sospeso sull’infinito vuoto del mare.

Dove dormire sulla Costa dei Trabocchi? Al B&B Rosa Dalfonsina.
Un luogo incantevole, a circa 20 minuti di auto dalla bellissima Spiaggia di Punta Penna e dalla Riserva naturale di Punta Ardeci.
Ve lo consiglio perché Domenico è un oste cortese e affabile, il luogo è incantevole.
Troverete un solarium con una vista sul verde dove sorseggiare un aperitivo o una ratafia (ratafia io ti amo e tu lo sai), un orto a vostra disposizione in cui raccogliere pomodori, cipolle e peperoni, un portico in cui sostare a riposare, una sala comune per le vostre necessità, una cena tipica che vi aspetta e che va gustata alla luce delle stelle.
Ve lo consiglio perché dondolando sull’amaca del giardino, il senso della parola pace diviene chiaro.

Dove mangiare sulla Costra dei Trabocchi?
Alla gastronomia Paris Gourmet che si trova in centro a Ortona. È una gastronomia con diversi tavoli e un menù eccezionale a prezzi convenienti. Noi abbiamo mangiato pesce squisito e i bambini gnocchi al ragù. (Pensate che la proprietaria quando ha visto i bambini finire il piatto ha portato un’aggiunta di sugo per fare la scarpetta. Fantastica dai). Prezzi economici – Indirizzo: Corso Vittorio Emanuele, 16, 66026 Ortona CH

All’Osteria la Frasca a Scerni in provincia di Chieti. Carne alla brace, primi abbondanti e volendo pizza. Tutto veramente squisito. Prezzi economici – Indirizzo: Contrada San Giacomo, 165, 66020 Scerni (Chieti)

2) Il Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga è il luogo più bello che io abbia mai visto.
Paesaggi mozzafiato, colline, monti, rocce, distese di terra arida e verde in ogni dove. Non ci sono parole per descrivere tanta bellezza. Sembra di stare sulla luna e subito dopo nel mezzo di un film western, tra monti e vallate e ripide pareti e campi verdi. Se esiste un paradiso io me lo immagino così.

Noi siamo partiti con un’escursione al Castello di Rocca Calascio, una vera meraviglia, per poi proseguire in auto attraverso il Parco Nazionale fino a Campo Imperatore e su in cima fino al Gran Sasso, per finire la nostra giornata al borgo di Santo Stefano di Sessasio.

Dove mangiare nel Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga?
All’Albergo Monte Selva a Barisciano è un ristorante ottimo, cucina tradizionale e gli osti sono cortesi e sorridenti. In cucina la cuoca è la mamma, in sala il figlio che ha un sorriso e un modo di fare pazzeschi. Prezzi economici – Indirizzo: SS. 17 Km 53, 67021 Barisciano AQ

Bar Trattoria Marcocci a Filetto. Trattoria con arredamenti in legno e pochi tavoli, la cucina è squisita e i prezzi veramente economici. Dai crostini ai dolci era tutto buonissimo, da provare. Prezzi economici -Indirizzo: Via Fontebella, 3, 67100 Filetto, L’Aquila AQ

3) Una passeggiata a L’Aquila è d’obbligo. È una città viva, piena di persone che passeggiano, sorseggiano un aperitivo, chiacchierano. Mi è piaciuta molto, anche se appena fuori dalla piazza principale per cercare di raggiungere la Fontana delle 99 cannelle (confermo che sono 99, non c’è bisogno di contarle eh) siamo finiti in una zona ancora da ricostruire post terremoto. È stato doloroso, triste e quasi surreale camminare in una zona una volta piena di vita e oggi semidistrutta. La vita è un soffio, devo ricordarmelo ogni giorno.

Dove mangiare a L’Aquila?
Alla Casereccia da Noemi, trattoria dai prezzi economici e un menù super. Io ho mangiato un primo squisito che ho digerito il giorno dopo 😀 Indirizzo: SS17, ovest n’ 29, 67100 L’Aquila AQ

4) Un’altra bellissima escursione è stata alle Gole di Celano, ve la consiglio però solo con bambini già in grado di camminare da soli e in autonoma. Sarebbe inoltre consigliabile avere un caschetto da trekking perché si passa attraverso la gola appunto.

E niente, alla fine rileggendo il post ho visto che vi ho parlato soprattutto di ristoranti e cene e pranzi e succulente pietanze. E va bene così. Perché l’Abruzzo, per me, è strettamente legato alla sua gastronomia. Per il resto lascio parlare le immagini dei suoi paesaggi e torno a sognare di poterci tornare presto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.