Siviglia: città per i bambini

Siamo da poco rientrati da una vacanza in famiglia nella splendida Siviglia.
Il sole splendeva luminoso, la città era incantevole, assolata e colorata da mille riflessi dorati. Noi eravamo felici.

Siviglia è una città che merita di essere visitata con calma, senza l’ansia e la corsa frenetica di chi vuole vedere tutto.
Contrariamente a quanto pensavo prima di partire, Siviglia è una città perfetta per essere visitata anche con bambini piccoli a seguito.
Vediamo un po’ cosa è possibile visitare insieme ai bambini:

1. La Giralda e la Cattedrale

La Cattedrale è imponente e maestosa, con uno stile gotico affascinante. L’interno è dolcemente tetro come sono tutte le chiese. Le vetrate colorate illuminano il buio della chiesa. E’ alta fino a 56 metri, vi lascio immaginare il torcicollo per guardare in su. La Cattedrale è da vedere un po’ velocemente se il vostro bimbo è sveglio perchè anche un piccolo strillo rimbomba ovunque.
La Giralda, invece, può essere vissuta come un gioco dai bambini. Per arrivare in cima bisogna percorrere diversi piani su una rampa in salita. Una volta giunti, lo spettacolo che vi attende, vi lascerà a bocca aperta e con gli occhi spalancati. Salire e scendere dalla rampa della Giralda è un vero e proprio gioco per i bambini.
Biglietto unico di € 8.50, bambini gratuiti.

2. Real Alcazar

Antica fortezza araba successivamente modificata durante il Rinascimento. Le piastrelle, i pavimenti, le porte, tutto è stupendo. I bambini possono correre liberi (più o meno) e toccare tutto quello che vogliono. Sulle pareti nelle piastrelle ci sono dei disegni di leoni, serpenti e altri animali. Al mio piccoletto sono piaciuti molto.
In più ci sono i giardini con pavoni e uccelli da ammirare dal vivo, alberi enormi, un labirinto in cui giocare a perdersi.

Prima di scendere nel giardino c’è una vasca d’acqua piena di trote. Portatevi qualcosa da dare loro da mangiare, è impressionante vedere come si avvicinano tutte e cercano di accapparrarsi quel pezzettino di pane. I bambini adoreranno.
Biglietto unico di € 8.50, bambini gratuiti.

3. Piazza di Spagna

Mentre voi guardate le rappresentazioni sulle panchine di azulejos delle province spagnole con un episodio della loro storia, i bambini potranno correre felici in questa grande piazza. Volendo è possibile anche fare un giro in barca sul laghetto.

4. Parque de Maria Luisa

Il parco è immenso, creato nel XIX secolo. Tra alberi secolari, vasche e fontane, troverete anche dei giochi per i bambini. E’ bello trascorrere un po’ di tempo all’ombra, mentre voi vi riposate, i bambini possono giocare.

5. Barrio de Santa Cruz

Antico quartiere ebraico, oggi zona turistica. Da visitare passeggiando. Essendo una zona pedonale i bambini possono scorazzare piuttosto liberi.

6. Giro in carrozza

Vi portano in tutta Siviglia in carrozza. Lo so che è terribilmente turistico, ma vi giuro che è divertente, soprattutto per i bambini (bugia, lo è stato anche per me :) ). Costa € 50 e dura 50 minuti più o meno.

7. Perdersi a Siviglia

In ogni quartiere, anche nei più decentrati, troverete una piazzetta con panchine e giochi in legno recintati. Questi parchi giochi di sera si riempono di bambini vocianti e sudati che corrono come matti e giocano. Sono utili anche per chi viaggia con bambini a seguito perchè è sufficiente restare in uno di questi recinti mezz’ora, quaranta minuti per avere poi l’autonomia necessaria a restare seduti due ore nel passeggino. In più la promessa fatta al nostro piccolo era: “tu risali e ai prossimi giochi ci fermiamo ancora”. Ha funzionato alla grande. Provateci anche voi.

8. Escursione al Parco Naturale della Donana

Se vostro figlio (o figlia) lo permette non perdetevi questa escursione. E’ fantastica. Ci sono due ore di percorso in jeep e un’ora in battello a risalire il Guadalquivir. Il Parco Naturale della Donana si trova a circa un’ora e trenta di auto da Siviglia. E’ consigliato un abbigliamento e delle scarpe comode e un repellente per le mosche che sono decisamente fastidiose ma non pungono. Bisogna prenotare con anticipo, l’escursione viene fatta solo al raggiungimento di un certo numero minimo di partecipanti.
Nel Parco ci sono diversi ecosistemi, tutti affascinanti. Si costeggia il Guadalquivir, ci si inerpica tar le dune, si costeggiano radure verdeggianti. Potrete avvistare cervi, uccelli marini, tartarughe, cavalli selvaggi, cinghiali. Insomma un vero paradiso. Poi salirete sul battello che risale il fiume in circa un’ora.

Sentire il vento tra i capelli, lasciare vagare lo sguardo, restare in silenzio.
Ecco lì mi sono sentita viva, come solo in viaggio ci si può sentire. Viva davvero.

Photo credit: Leonardo Neri

Share and Enjoy

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>