Levanto: il paese – parte seconda

Dopo il mio viaggio in treno verso Levanto, vorrei raccontarvi di questo piccolo paese ligure, affacciato sul mare e con le montagne alle spalle che ho potuto visitare grazie a #levanto13.

Il verde degli ulivi, delle viti e dei pini si perde nell’azzurro intenso del mare. Le onde spumeggiano sulla riva di rena scura, che bagnata dalla pioggia è quasi nera e il vento scompiglia i capelli e porta quell’odore di mare così inteso e profumato che o ti fa innamorare o lo detesti.

Spiaggia di Levanto

Pista ciclabile da Levanto a Framura, passando per Bonassola

Per scoprire il paesaggio che da Levanto porta fino a Framura, passando per Bonassola, l’ideale è la bicicletta. La pista ciclabile si snoda per circa 5 km su quello che fu il tracciato della vecchia ferrovia, tutti pianeggianti, tra ombrose e fresche gallerie che si aprono all’improvviso su scorci di mare mosso e intensamente blu.
La bici permette di rallentare, andare più veloce e soprattutto chiacchierare e lasciare vagare lo sguardo verso questo paesaggio che ci circonda. Piccoli paesi con case arroccate sul fianco del monte e solo il rumore continuo delle onde e il cigolio delle ruote che girano e girano e girano.

Torre di Guardia di Framura

Framura, la meta finale della nostra biciclettata, è un piccolo comune sparso, in cima a una lunga salita – che vi consiglierei di fare assolutamente con dei mezzi pubblici – da cui si gode di uno splendido panorama. Salendo sulla Torre di Guardia lo spettacolo è avvicente. Da un lato solo verde a non finire e campi e alberi rigogliosi, dall’altro lato il mare e il cielo azzurro.
Bonassola si trova a metà percorso, ha una piccola spiaggia, inserita in un caratteristico e suggestivo golfo, dove mangiare affacciati sul mare e un castello in cima a una ripida scalinata. Qui, se siete degli inguaribili romantici, è anche possibile sposarsi.

Per informazioni precise e dettagliate sulla pista ciclabile vi consiglio di leggere il post di Francesca Turchi.

Pista ciclabile da Levanto a Framura

Pista cicilabile da Levanto a Framura

Levanto: il paese e i monumenti

Levanto è molto frequentata da coloro che vogliono partire alla scoperta delle Cinque Terre (non per niente viene chiamata anche “la porta delle Cinque Terre“) e dai surfisti che come tanti puntini neri se ne stanno in acqua anche nelle giornate più ghiacce e aspettano l’onda giusta per sentire un brivido di adrenalina lungo la schiena.

Chiesa di Sant'Andrea

Forse non tutti sanno che Levanto si trovano bellezze storiche e artistiche come:

  • La Chiesa di Sant’Andrea Apostolo (ho cercato su Wikipedia il nome esatto) perchè io ricordo solo che è la chiesa principale della città, con le campane che suonano allegre e assordanti e un interno silenzioso.
  • L’antico Monastero delle Clarisse, incompleto e che oggi è una piazza su cui si affacciano alcuni uffici pubblici, tra cui il municipio e la biblioteca. La piazza non è tanto grande, ma è gradevole con i suoi alberi di arance, gli uccellini che cinguettano e il sole che appare e scompare dietro le nuvole nere che scrosciano acqua a catinelle e subito, di nuovo, lasciano posto al sereno.
  • La Loggia Comunale che si affacciava sull’antico porto della città, oggi il fiume scorre sotto la strada. Qui si lasciavano le merci quando si arrivava nel porto di Levanto, il terzo di tutta la Liguria. Qui si facevano scambi commerciali e si pagavano i dazi e le tasse. Oggi è un’arcata sopra il livello della strada dove si è conservato un unico affresco.
  • All’angolo tra via Garibaldi e via Vinzoni, dove un tempo sorgeva una porta di accesso alla città di Levanto che di notte veniva chiusa, si trovano una serie di caricature di strani personaggi che dormivano in quello che un tempo veniva chiamato l’ospitale, ovvero un’antica locanda. E’ affascinante trovarsi ad ammirare nani, donne e viandanti di un tempo così remoto.

Vista su Levanto e dintorni

Tante altre sono le meraviglie di Levanto ma ho scelto di raccontare ciò che più mi ha colpito. E poi raccontando tutto si perde il piacere del viaggio e della scoperta. E allora, poi, che gusto ci sarebbe a viaggiare?

Share and Enjoy

One Comment
  1. cino gad / 23 maggio 2013Your comment is awaiting moderation.

    Parodistico chiamarla pista ciclabile quando da Bonassola a Framura,in ex galleria del treno, viene percorsa da auto che si immettono, a circa 50 mt dalla fine della galleria da un cancello sul lato sinistro in una rampa che le conduce ad una lussuosa villa costruita su di un promontorio sul mare. Villa costruita negli anni 60/70 in deroga ad ogni rispetto della legge protezione del paesaggio “Vincolo Paesistico – Bellezza d’insieme
    Codice vincolo 070423
    Numero Progressivo 1″
    usufruendo anche indebitamente x costruirla della galleria appena dimessa dal passaggio del treno e continuando,come sopradetto, ad usufruirne anche in pieno adesso divenuta cosiddetta pista ciclabile, vera sconcia assurdità ma consona ad una regione come la Liguria, scempiata nel suo territorio da centinaia di abusi di privati in combutta interessata con assessori di giunte regionale e provinciale e sindaci. Una Liguria che la indagine della scorsa estate di Goletta Verde classificava come la regione,x habitat e mare,la + inquinata d’Italia !!!
    Un altro esempio x tutte: la bidonville di vecchie roullotes senza ruote adibite ad oscene residenze, scempio del paesaggio, inquinanti le falde acquifere ed il mare xchè non aventi i requisiti previsti dalle leggi su scarico liquidi fognari,sempre nei paraggi della cosiddetta pista in località “la spiaggetta-Framura”.
    Concluda il suo itinerario accostandosi al cancello di quella bidonville che non le permette poi l’accesso alla spiaggia demaniale sottostante,anche questo un abuso osceno della Liguria illustrata da Goletta Verde !
    cinogad anche in FB.
    Saluti e sia anche lei una cittadina di uno Stato di Diritto elevando la sua protesta a tutti gli organi istituzionali di questo stato(anche se fino ad ora una Repubblica delle Bananes): Regione,Provincia,Sindaci Liguria,MinisteroBeni Paesaggistici e culturali,Min.Ambiente,Corpo Forestale dello Stato,Demanio,Capitaneria di Porto !!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>