Barcellona è Gaudì

A coloro i quali domandavano quando sarebbero terminati i lavori della Sagrada Familia Antoni Gaudì rispondeva: 
“Il mio cliente non ha alcuna fretta. Dio ha tutto il tempo del mondo.”

Sagrada Familia

(Primo post nonsense su Barcellona, con anche qualche informazione pratica.)

Proprio così, Barcellona (per me) è Gaudì.
E’ la meraviglia che ti toglie il fiato appena varchi la soglia della Sagrada Familia e pensi, da non credente, se c’è un Dio, è qui.
In questa luce rarefatta e divina che dalle vetrate scende come magica e illumina tutto.
E’ nelle scale a chiocciola, nelle sculture che si sporgono oltre ogni limite a guardarti di sbieco. Nella gioia che ti assale nello scoprire come questo uomo geniale oltre ogni limite, si ispirasse alla perfezione della natura per realizzare le sue opere surreali, che ti incantano e ti fanno capire, davvero e per la prima volta, cosa sia la sindrome di Stendhal.

foto

Sagrada Familia

Sagrada Familia

Barcellona è Gaudì nella sua casa Batllò dove non ci sono linee rette, ma solo curve e porte in legno e scale blu, così blu che sembra di essere in fondo al mare. Nel lavatoio ad archi, che quasi mi ha stupito più di tutto il resto della casa, nei colori sgargianti delle mattonelle, nella facciata esterna, mirabolante.

Casa Batllò

Casa Battlò

Casa Battlò

Barcellona è Gaudì per la meraviglia della vita stessa che viene così rappresentata, in modo magico e surreale.

Informazioni pratiche per visitare la Sagrada Familia

Acquistate il biglietto online, vi evita la lunga fila che c’è sempre all’ingresso. Dovrete scegliere l’orario di entrata e rispettarlo, perché sono piuttosto rigidi al riguardo e potrete anche scegliere diverse combinazioni di visita.
Sul sito ufficiale della Sagrada Familia trovate tutte le informazioni pratiche.
Se decidete di salire su una delle due torri (io l’ho fatto) ricordatevi che è sconsigliato sia se siete incinta (come la mia amica) sia se soffrite di vertigini (come me. Ho creduto di morire, SERIAMENTE eh). Però ne è valsa la pena.
Si sale con un ascensore che vi porta a 45 metri di altezza e poi si scende a piedi.

Informazioni pratiche per visitare Casa Batllò

Anche qui vi consiglio di acquistare il biglietto online, non ha una data precisa di utilizzo. Potete optare anche per una formula che vi consente di saltare la fila all’ingresso.
Sinceramente, è comodo, ma è anche costoso: 26,50 € invece di 21,50 €. Valutate voi se è più importante risparmiare mezzora del vostro tempo o i 5,00 € di sovrapprezzo.
L’audioguida è gratuita, ricordate di prenderla all’ingresso.

Godetevi Barcellona. Godetevi Gaudì.

Photo credit: alcune foto (le più belle, ovviamente) sono di Lucia Puccioni.

Share and Enjoy

One Comment
  1. Pingback: Dove mangiare a Poblenou, Barcellona? | Nessun dorme

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>