Perché scrivo (questo blog)

Sempre più spesso me lo domando: “Perché scrivo (questo blog)?

Non lo faccio per lavoro (nessuno mi paga).
Non lo faccio per trovare lavoro (non lo troverei e ne ho già uno piuttosto impegnativo).
Non lo faccio per vantarmi (in genere preferisco glissare sull’argomento).
Lo faccio perché mi libera l’anima. Perché posso dire quello che sento, come lo sento, quando lo sento.

Scrivo così, semplicemente perché sento l’impulso di farlo.

A volte mi demotivo. Le mie visite non crescono. Non mi invitano mai (o quasi) ai blogtour (a parte un folle, adorabile uomo e qualche altro blogger altrettanto matto che vuole mandare me per scrivere anche sul suo blog, cosa che io apprezzo molto eh, però non è me che invitano).
Non ho un nome, non so fare PR per il gusto di farle, non mi mandano prodotti omaggio, (e quando me li vogliono mandare capita che io dica semplicemente no). Non sono particolarmente brava in niente. Non faccio belle foto, né scrivo post così allettanti da spingere qualcuno a partire, non so (praticamente) scrivere post utili (per inciso, li trovo di una noia mortale).

Non so fare niente bene, né sono nessuno.
Scrivo così, ormai. Come respirare.

Ecco perché scrivo questo blog. Per me.
Per dare fiato a una voce che a parole non sa essere né precisa né lieve come io vorrei. Lieve come una piuma che ti fa solletico mentre ti sfiora e poi va, via leggera e già dimenticata. Così mi piacerebbe scrivere.

E anche perché di là ci siete voi (pazzi, certo). Così, ora io qui, da questa parte silenziosa e solitaria del monitor, mi sento meno sola.
Ecco perché scrivo questo blog. Ecco perché continuerò a scriverlo.

Share and Enjoy

22 Comments
  1. Visto che mi hai menzionata su Facebook, ti scrivo un commento per dirti che devi continuare a tenere questo blog se ti piace scrivere e parlare di te. Non sono un’assidua lettrice di altri blog… anzi non li leggo quasi mai, ma quando pubblichi il link ai tuoi post ogni tanto vado a leggere. Sai perché? Perché scrivi con il cuore! Ogni tanto penso ai tuoi articoli quando devo scrivere i miei. Aprire il cuore premia e poi, come dici tu, libera l’anima.

  2. Credo che solo chi scrive per se stesso faccia bene anche agli altri. I consigli utili non arrivano solo dalle check list ma anche, se non soprattutto, dalle emozioni.
    E tu sei questo sei molto più che brava! :-)

  3. Cara Vale, che dire? Per me è stato un onore avere qualcosa scritto da te sul mio blog. Dici di non sapere fare niente. E invece sai fare tutto. Tutto ciò che conta davvero. Sai essere umile, sincera, generosa. Io ti auguro con tutto il cuore di non cambiare mai. Continua a scrivere per amore. Continua a guarda il mondo con trasparenza ed onestà. Perchè di persone come te, ce ne sono davvero davvero poche. Ti abbraccio forte e spero di rivederti presto.

  4. Beh io ogni volta che ti leggo penso “come vorrei sapere scrivere così!”, penso che il tuo sia uno dei migliori blog del web ed è uno di quelli che io leggo sempre.
    Mi sveglio e mi chiedo “chissà cosa avrà scritto la Vale?”
    Perché?
    Perché tu mi emozioni, hai una capacità che secondo me è di pochi, di arrivare dritta al cuore con le tue parole.
    Ti prego continua a farlo!
    Poi ci sono tantissime cose che nel mondo dei blog non capisco ed una è sicuramente perché le tue visite non crescono!
    Anche io spesso mi demotivo, penso di lasciare tutto e pensa che forse dovrei farlo visto che ad esempio nemmeno ho il dono di sapere scrivere così bene come te!!!

    Ti mando un super mega giga abbraccio

    • Eli, tu sei una persona speciale e io sono fortunata ad averti incontrata lungo la mia strada. Non vedo l’ora di vederti, anzi vedervi, al TBDI.
      Ti abbraccio, ti ringrazio e ti dico (ma tanto lo sai già) che il vostro blog è uno dei miei preferiti. A presto, cara mia.

  5. …leggo su twitter che sei sveglia dopo solo due ore di sonno e tanti sogni…non posso non passare a vedere le novità e trovo questo bel post in cui (ri)confermi come lasciar fluire i sentimenti sia il modo migliore per star bene – con se stessi prima con gli altri poi!

Rispondi a Erika | Viaggi del taccuino Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>