Mamma sì, ma anche donna

Essere mamma è un’esperienza che dà dipendenza.

Prima diventate consapevoli di questo meglio è. E’ quasi come essere assuefatti a una sostanza alluncinogena. Davvero.

Essere mamma riempe tutti i minuti della tua giornata, ogni secondo o quasi è preso da quel piccolo nano malefico che si aggira per casa. Ogni pensiero va a lui per primo. Ha sonno, ha sete, ha fame, è coperto abbastanza, è troppo coperto, ha il raffreddore, si ammala troppo poco che poi dopo non si fa gli anticorpi?

Insomma ogni scusa è buona per pensare a quell’esserino minuscolo e già così invadente.

All’inizio è traumatico. Almeno, per me lo è stato. E’ traumatico non avere la mente libera, avere un pensiero fisso che rasenta l’ossessione.

Poi un giorno capisci. Capisci che prima ti rassegni all’ineluttabile e meglio è. Capisci che da adesso fino alla fine sarà così. Che non ci sei più tu prima di tutto il resto, ma c’è un altro esserino in miniatura. E’ lui ora il primo della lista e dopo tutti gli altri.

Ok, ci sto. Sono sentimenti che ogni mamma potrà confermare. Sono sentimenti normali, giusti, di amore puro e forte. Ma attenzione: voi non siete solo mamme. Siete anche delle donne. Non dimenticatevelo.

Un figlio può essere paragonato a una droga: ci piace talmente tanto che non riusciamo a smettere, a staccarci da lui. E invece no. Dobbiamo ricordarci che siamo ancora “donne”.

Dobbiamo ricordarci che abbiamo un uomo di fianco a noi (se non è stato ucciso durante la gravidanza o subito dopo il parto) che ha ancora bisogno di noi, che abbiamo delle amiche, degli interessi, degli hobby, un lavoro.

Io non ci sto a fare solo la mamma. Non che abbia niente contro chi fa questa scelta, ma non fa per me. A me piace andare in palestra e in piscina e trovo il tempo per andarci. A me piace fare due chiacchiere con le amiche davanti a un bicchiere di vino (leggi diversi bicchieri di Campari) e trovo il tempo per farlo. A me piace stare a tu per tu con il mio uomo e (raramente) troviamo il tempo per noi.

Non fermatevi. Non realizzatevi totalmente in vostro figlio. Appena nato, anzi ancora prima, già da quando è dentro di voi, siete due persone distinte. Siete DUE persone distinte. Ripetetevelo come un mantra finchè non vi entra in testa.

E allora via quei peli che vi fanno sembrare uno Yeti, fate quel benedetto riflessante che vi copre i capelli bianchi che vi danno 10 anni in più, perdete quei chiletti di troppo o nascondeteli con un abbigliamento sapientemente studiato.

Insomma fate quello che vi pare ma non lasciatevi andare e ricordatevi sempre: mamma sì ma anche donna.

Photo credit: Frasi AforismiLeonardo.it

Share and Enjoy

2 Comments
  1. Pingback: 25 Aprile a Perugia: tra romanticismo e turismo gastronomico

  2. Pingback: Cesenatico Bellavita

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>