Comunque vada, non rinunciate ad essere felici

Comunque vada, non rinunciate ad essere felici.
Per il sorriso inaspettato che ti cambia la giornata. Il prezioso silenzio del mattino. Per l’amica che sa sempre cosa dirti per tirarti su di morale.

Comunque vada, non rinunciate ad essere felici.
A trovare una ragione, seppure piccola, seppure minuscola, per essere felici. Per i vostri figli addormentati nel lettone. Per il vostro uomo che riposa in poltrona, per il sole che oggi non splende, ma domani chissà.

Per quella persona cara rivista dopo tanto tempo, per quelle amicizie eterne che, per fortuna, non se ne vanno, per quelle nuove che potreste sempre incontrare. Per un buon libro, una lunga passeggiata col vento tra i capelli. I piedi bagnati dal mare, l’orizzonte aperto verso il vuoto. Per quella città silenziosa, tanto amata, immersa nella nebbia.

Per il bicchiere di vino bianco, così fresco che scende giù che è una meraviglia. Per quel biglietto aereo, finalmente sul comodino, che ti dice che partirai ancora. Non importa per dove.

Ognuno di noi ha i suoi motivi per tentare di essere felice.
E comunque vada, davvero, non rinunciate ad essere felici.
Non credete a chi dice che non potrete esserlo.
Voi potrete tentare, ancora una volta e un’altra ancora, di essere felici.

Perché la vita, senza la felicità delle cose semplici, è poca cosa.
E allora alti gli occhi verso il cielo, il volto aperto a prendere il sole in faccia e le labbra pronte a sorridere, ancora un’altra volta, ancora un altro giorno.

Comunque vada, non dobbiamo rinunciare a essere felici.

Share and Enjoy

8 Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>