L’importanza di una vita di coppia serena

La nascita di un piccolo nano malefico è la gioia più grande per la mamma e papà. Lo è perchè finalmente si diventa tre, perchè quell’esserino minuscolo che per 9 mesi vedi solo sfocato in una ecografia è lì ora, davanti a te ed è bellissimo. Ogni bambino che nasce è il più bello che sia mai nato, almeno a me fanno tutti questo effetto.

Poi arrivano i giorni e le notti insonni, dedicate tutte a questo essere minuscolo e così invadente, poi il nano cresce e un giorno ci si accorge, brutalmente, che tutto è cambiato.

Finito il tempo delle cene romantiche, delle coccole sotto il piumone, dei baci appassionati al rientro dal lavoro. Siete entrambi fagocitati dalla vita familiare che è una macchina infernale e per funzionare richiede impegno e dedizione da parte di entrambi. Quindi mentre il babbo prepara la cena, la mamma intrattiene il piccolo famelico. Poi ci si siede a tavola e difficilmente si riesce a scambiare più di tre frasi consecutive dato che uno degli sport preferiti dai bambini è il lancio del cibo. Dopo cena la musica non cambia perchè il babbo intrattiene il bimbo mentre la mamma rassetta tutto (che anche se siete in tre e avete cenato con dei toast ci sono diecimila stoviglie e piatti e cose da lavare). E non illudetevi. Non è ancora finita. C’è il bagnetto, ci si prepara per dormire e si comincia il rituale della nanna (che non so voi ma per mio figlio ci può volere anche un’ora e mezza. 90 minuti più intensi di una finale dei Mondiali di Calcio.)

Fatto tutto questo raramente si ha voglia di romanticismo, si sogna solo il letto o il divano e il silenzio. Eppure non dovete dimenticarvi di essere una coppia.

La felicità di vostro figlio dipende anche da quanto siete sereni nella vita con il vostro lui. Quindi cercate di ritagliarvi qualche ora un pomeriggio al mese, uscite una sera o semplicemente cercate di mantenere certe buone abitudini. Quelle di cui personalmente non posso fare a meno sono:

  • un bacio quando si esce di casa e un bacio quando si torna, già che ci siamo un bacio quando ci si sveglia e un bacio quando si va a dormire
  • un abbraccio, ogni volta che mi capita a tiro
  • un regalo speciale e inaspettato
  • ridere ancora e ancora sempre delle stesse battute
  • parlare di tutto

Amatevi ancora, ogni giorno come fosse un giorno nuovo. Certo l’amore cambia, può diventare più maturo e meno avventato, può avere momenti di alti e bassi, può richiedere impegno e dedizione. Ogni giorno, però, voi cercate di ricordarvi perchè avete scelto quella persona, perchè vi siete innamorate di lui e guardatelo ancora con gli stessi occhi con cui lo guardavate la prima volta che lo avete conosciuto.

Personalmente io lo guardo ancora con gli occhi di un’insicura sedicenne e il mio cuore scalpita come allora.

Share and Enjoy

10 Comments
  1. uuuuh, che bel post, mi commuovo!

    E proprio ieri pensavo “ma com’è che anche se siamo solo in tre ci sono diecimila stoviglie e piatti e cose da lavare?”

    :D Baci!

  2. grazie per il bellissimo post,
    ho tanta stima di chi ha il coraggio di trasformare una vita di coppia coi suoi equilibri in vita a tre, a me personalmente fà molta paura
    Elisa

    • Grazie Elisa per il “bellissimo” :)
      E poi, posso farti una confessione? Anche io avevo paura.
      Anzi ho ancora paura se penso che da tre potremmo, prima o poi, diventare quattro…
      Credo (e spero) sia normale :)

  3. Paura, si tanta insicurezza verso questa grande scelta, direi salto nel buio. cambierà tutto, ce la farò. ce la faremo? Quanta confusione si ha in testa prima di buttarsi in quest’avventura, ma si, hai ragione tu, bisogna sempre ricordarsi che si è scelta quella persona. Mi piace il tuo blog, è così garbato…

    • Grazie. Mi piace che tu abbia detto che lo trovi “garbato”. Credo sia uno dei complimenti più belli che mi abbiano mai fatto :)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>