Il metodo educativo che vi cambierà la vita in meglio

[Il metodo educativo che vi cambierà la vita in meglio è del blogger David Vienna - ecco il link se volete leggere il suo post - di cui sono venuta a conoscenza grazie a un articolo di Claudio Rossi Marcelli.]

Il metodo educativo che vi cambierà la vita in meglio si chiama Ducdc che sta, letteralmente, per “Datti una cazzo di calmata“. E funziona in questo modo:
“Mio figlio prende ancora il ciuccio” Datti una cazzo di calmata
“Mio figlio non sa ancora fare la pipì da solo” Datti una cazzo di calmata
“Mio figlio non mangia le verdure” Datti una cazzo di calmata.

Il metodo prevede due step:

  1. Datti una cazzo di calmata
  2. Non c’è un secondo step

Insomma, come avrete capito, questa risposta si adatta ad ogni ansia che vi prende inerente ai vostri bambini. Perché, alla fine, tutti cresciamo e impariamo a togliere il ciuccio, fare pipì e mangiare le verdure (beh, questo forse non proprio tutti).
Diamoci una cazzo di calmata e lasciamo ai nostri figli il tempo di essere bambini, di correre a piedi nudi sull’erba, sporcarsi, fare i capricci, mangiare con le mani, dipingersi il corpo, ridere per le sciocchezze, parlare della cacca (che non so perché ai miei figli piace così tanto). Di inventarsi di storie, di avere paura dei mostri, del buio, di dormire soli.

Lasciamo che siano bambini felici, senza stress. C’è tutta una vita frenetica davanti a loro che li aspetta, perciò, diamoci una cazzo di calmata.
Quel che conta (almeno per me) è saper vivere la vita con gioia ogni giorno, affrontare le difficoltà con fermezza, resistere di fronte alle ingiustizie, non farsi condizionare (troppo) dal branco. Tutte cose che si insegnano solo con l’esempio.

Diamoci una cazzo di calmata, quindi.
Perché genitori sereni crescono bambini sereni.

Share and Enjoy

2 Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>