5 consigli per togliere il ciuccio senza problemi

come togliere il ciuccioMio figlio (detto anche il nano malefico) adorava il ciuccio (e io con lui a dire il vero). Sì, perché è utile per calmarsi quando si è nervosi, per consolarsi quando si è tristi, per addormentarsi. Ma a un certo punto è necessario decidersi e abbandonarlo.
I pediatri e i dentisti consigliano di togliere il ciuccio entro i 3 anni di età del bambino. Quindi per quanto vostro figlio lo adori (e per quanto vi spaventi l’idea di gestire un capriccio senza l’aiuto del ciuccio) prima o poi dovrete farlo.

Ecco qui 5 consigli per togliere il ciuccio senza problemi (o quasi):

  1. Fissate una data simbolica. Il compimento dei tre anni, il primo bagno al mare della stagione, il giorno in cui volerete in vacanza, la festa dei nonni, non importa. Fate voi. Ma scegliete una data simbolica. Non è vero che i bambini non capiscono l’importanza del rito e cosa c’è di più simbolico del passaggio da un’età in cui si prende il ciuccio a un’età in cui non si prende più?
  2. Preparate il bambino con qualche mese di anticipo. Comunicate al bambino il giorno in cui “diventerà grande”, quando toglierà il ciuccio, ricordateglielo solo di tanto in tanto. Questo lo aiuterà a prepararsi e a non essere preso alla sprovvista.
  3. Fate venire la fatina (o lo gnometto) dei ciucci. Ok, lo so, sono patetica. Ma sono pur sempre bambini o no? Quindi fatela venire questa benedetta fatina che porti il regalo che tanto desidera il vostro bambino.
  4. Prima di togliere definitivamente il ciuccio, cominciate facendoglielo prendere solo per andare a dormire. In questo modo il bambino sarà obbligato a imparare a gestire la rabbia, la frustrazione e le paure senza il ciuccio.
  5. Tenete duro. Una volta che avrete deciso una data non tornate indietro. Non fatelo mai (pena la vostra sconfitta negli anni a venire) (Eh sì, state combattendo una guerra. Una guerra senza fine.) Per questo vi consiglio di sbarazzarvi di tutti i ciucci e di tenere duro. Portate pazienza, qualche scenata è inevitabile, niente però che non possa essere superato in qualche giorno.

E voi avete qualche altro consiglio per togliere il ciuccio senza problemi?

Photo credit: Tutto Mamma

 

Share and Enjoy

3 Comments
  1. Tolto a Natale! Ciucci spediti a Babbo Natale insieme alla letterina. La prima notte é stata dura, urlava come un pazzo “non ce la faccio a dormire senza ciuccioooo”, straziante! Poi è andata sempre meglio, in tre giorni se l’é dimenticato ;)

  2. adesso esistono tanti modelli di ciuccio personalizzato divertentissimi che è quasi un peccato toglierglielo!!! il mio comunque lo ha lasciato a 3 anni e mezzo, gradualmente (glielo mettevamo solo la notte) e poi sempre cercavamo di intrattenerlo in modi diversi per allontanarlo dalla “dipendenza”

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>